Pubblicazioni in rilievo

TORNA INDIETRO
Autore: Vittorio Dini
Titolo: Il governo della prudenza. Virtù dei privati e disciplina dei custodi
Tipologia: Libro
Luogo: Milano
Editore: Franco Angeli
Anno: 2000
Tema: storia dei concetti , costituzione , classici del pensiero
Lingua: italiano
Descrizione: Prudenza virtù passioni: di nuovo emergono le grandi domande poste dal discorso morale e politico contemporaneo. Da Heidegger alla Arendt, da Ricoeur a Foucault a McIntyre; da Voegelin a Pieper, nella filosofia contemporanea viene ripresa l'elaborazione antica, medievale e moderna del concetto di virtù e, in particolare, della prudenza. Una risposta a questi problemi la può offrire la storia concettuale come filosofia politica, cioè storia, lessico della politica, dimensione teorica dei problemi, tenuti insieme per la più esaustiva comprensione dei problemi.

Disciplina, prudenza, governo di sé e degli altri, pubblico, segreto sono concetti che all'interno del processo di 'civilizzazione' caratteristico della modernità trovano un ruolo assolutamente centrale. Sulla base di una lettura della tradizione classica, significati del tutto nuovi vengono inventati e costruiti. Nella riflessione dei secoli XVI- XVII, dalla trattatistica della 'ragion di stato' al pensiero di Machiavelli ed Hobbes, si forgiano nuovi significati di lemmi antichi. La dimensione, il ruolo, il senso stesso dei concetti assume una caratterizzazione estremamente determinata. I processi reali, le figure, che li incarnano - il governante, l'amministratore, il ministro - sono essi stessi altrettanto determinati e storicamente e nella loro funzione. La modernità si afferma produttrice di tale determinazione, ma reca con sé anche i germi della sua critica e delle possibilità continue di crisi e di superamento.